Comune di Legnano Comune di Legnano Comune di Legnano

Archivio Newsletter del Sindaco

Newsletter del 05/04/16

Inviata il 05/04/2016 alle ore 16:11

Cari concittadini, 

la newsletter di questa settimana la dedico interamente, in via del tutto eccezionale, alla presentazione del bilancio di previsione avvenuta in Consiglio Comunale lunedì sera. Innanzitutto, vorrei ricordare che il bilancio previsionale 2016/2018 poggia su regole e vincoli innovativi rispetto ai precedenti. La principale novità riguarda l’introduzione del principio del “pareggio di bilancio” che manda in soffitta la vecchia regola del “Patto di stabilità” lasciando ai Comuni margini di manovra molto più ampi. Sul fronte fiscale, va ricordata l’abolizione della TASI.

Investimenti ordinari e straordinari

Per quanto concerne gli investimenti, ricordo che il Governo ha sbloccato spazi straordinari di azione che ci hanno permesso di ricorrere all’avanzo di amministrazione avviando interventi su patrimonio, cimiteri e viabilità per circa 8 milioni di euro, a cui vanno aggiunti i circa 9,7 milioni di euro di investimenti già avviati negli anni precedenti. A questi vanno inoltre sommati i circa 4 milioni di euro che saranno attivati nel corso del 2016 per l’edilizia scolastica, il verde pubblico, le piste ciclabili, la piscina comunale e altri interventi minori. Infine, sono previsti ulteriori investimenti straordinari, sempre nel corso del 2016, per circa 4,5 milioni di euro. Da tenere presente che abbiamo provveduto a chiudere definitivamente i pagamenti degli impegni assunti dalla precedente Amministrazione (fra i quali ricordiamo la "bretella" dell’Ospedale e il nuovo teatro).

Società partecipate, evoluzione positiva

La situazione delle società partecipate, nel suo complesso, si evolve positivamente sia sotto il profilo organizzativo sia, soprattutto, sotto il profilo economico e patrimoniale. In particolare, il 2016 rappresenta "l’anno zero” per il Gruppo AMGA che, finalmente, potrà uscire dalla crisi. Buone prospettive di crescita si registrano anche per EURO.PA Service, società strumentale, mentre - è inutile nascondersi - sono sicuramente preoccupanti le difficoltà che ruotano attorno al consorzio ACCAM SpA.

Il bilancio in generale

Nel complesso, il bilancio che abbiamo presentato costituisce il primo vero documento di programma che la Giunta Comunale può costruire e approvare senza essere totalmente condizionata da vincoli, lacci e obblighi esterni. E, mi preme ricordarlo, i risultati sono oggettivamente visibili agli occhi di chiunque voglia valutare con onestà intellettuale il lavoro sin qui fatto.

In pillole:

1) La struttura del bilancio è definitivamente risanata e, anche per il 2016, tutti gli oneri di urbanizzazione non saranno destinati a finanziare la spesa corrente.

2) I nuovi investimenti sono ingenti e significativi grazie, soprattutto, all’avanzo di amministrazione accumulato. Nel corso del 2016, l’Amministrazione Comunale, senza infilare le mani nelle tasche dei cittadini, gestirà oltre 26 milioni di euro di interventi di carattere straordinario.

3) Il finanziamento dei nuovi investimenti sarà assicurato dall’avanzo di amministrazione e non dalla vendita del patrimonio immobiliare.

4) La pressione tributaria si ridurrà grazie all’abolizione della TASI e all’ulteriore riduzione della TARI (Tassa rifiuti), frutto della buona gestione di AMGA/ALA.

5) Tutti i servizi al cittadino sono stati mantenuti e garantiti; nonostante gli ingenti tagli dei trasferimenti statali (oltre 8 milioni negli ultimi 4 anni) alcuni servizi sono addirittura stati potenziati soprattutto in ambito sociale e culturale.

In sintesi, una gestione positiva

Alcuni fattori indicano, più di altri, la tendenza positiva della gestione contabile e finanziaria. Il grado di dipendenza totale dallo Stato della nostra città è stato praticamente azzerato: tutta la spesa corrente del Comune sarà sostenuta da tasse e tariffe locali. Il carico fiscale sui cittadini si riduce globalmente di oltre 7 milioni di euro, rispetto all'anno precedente, in modo particolare concentrato sui proprietari di prima casa che a Legnano sono circa 30 mila. Nel complesso, quindi, quello che abbiamo presentato è un bilancio sano, la cui tendenza è quella di garantire un futuro di sviluppo e di crescita alla nostra città.

Alberto Centinaio