Comune di Legnano Comune di Legnano Comune di Legnano

Area Stampa - contatti: 0331/471366-243 - ufficio.stampa@legnano.org

DICHIARAZIONE DEL SINDACO SULLA FRANCO TOSI

Pubblicato il 16/02/2017
Il Sindaco Alberto Centinaio, accompagnato dal Vice Sindaco Pierantonio Luminari, ha incontrato ieri a Roma, negli uffici del Ministero per lo Sviluppo Economico,  il Vice Ministro Teresa Bellanova. E’ la settima volta che questa Amministrazione comunale interloquisce con esponenti del Governo centrale per affrontare i problemi della Franco Tosi Meccanica Spa. Di seguito una dichiarazione a commento dell’incontro.       


«Si è trattato di un incontro interlocutorio, nel corso del quale ho esposto al Vice Ministro Bellanova gli obbiettivi, le preoccupazioni e le aspettative della città nel merito della complessa vicenda Tosi, sottolineando anche l’esigenza di ottenere garanzie realistiche affinché la produzione ed il marchio industriale rimangano a Legnano.
La nostra città non può permettersi di perdere una fabbrica così fortemente radicata nel sentimento comune dei suoi abitanti, sia per la salvaguardia dei posti di lavoro sia per le ricadute negative che una simile eventualità avrebbe sull’economia  dell'Alto Milanese.
Tutti andiamo dicendo che il nostro territorio è un'eccellenza manifatturiera in Italia e nel mondo, e per questi motivi è importante che si faccia sistema per salvaguardare questa importante realtà produttiva.
Come più volte rimarcato, l’Amministrazione comunale ha fatto e farà tutto il possibile per evitare il trasferimento della fabbrica. Ora è nostra ferma convinzione che sia necessario e urgente fare squadra mettendo tutti gli attori pubblici (Ministero, Regione Lombardia e Comune di Legnano) attorno ad un tavolo per definire le soluzioni più efficaci. Come già annunciato recentemente in Consiglio Comunale, è nostra intenzione usare tutti gli strumenti istituzionali in nostro possesso (PGT, politiche fiscali e concessorie) a sostegno della riqualificazione delle aree a rischio di degrado. Ciascuno deve fare però la propria parte».