Comune di Legnano Comune di Legnano Comune di Legnano

Area Stampa - contatti: 0331/471366-243 - ufficio.stampa@legnano.org

I COMUNI DELL'ALTO MILANESE UNITI PER TUTELARE LA SICUREZZA DEI CITTADINI

Pubblicato il 17/12/2016

I 22 comuni dell’Area Omogenea dell’Alto Milanese (con una popolazione complessiva che sfiora i 260 mila abitanti) si sono alleati per combattere tutti insieme i fenomeni di microcriminalità, di disagio sociale e di congestione del traffico veicolare che peggiorano la vivibilità dei centri urbani ed alimentano il senso di insicurezza dei cittadini.

Un’alleanza che nella notte tra venerdì 16 e sabato 17 dicembre si è tradotta nella cosiddetta operazione Smart (Servizio di monitoraggio aree a rischio del territorio) che ha coinvolto 105 operatori suddivisi in 35 pattuglie appartenenti ai vari Comandi di Polizia Locale dell’Alto Milanese e dell’Aggregazione Asse Sempione. Sono stati presidiati fino a notte inoltrata i principali assi viari, tra cui le statali e provinciali  (Sempione,  SP12, SP 341 e SP34, SP 148) che attraversano l’intera area, estesa tra Milano ed il Castanese, svolgendo una ventina di posti di controllo. Sono stati svolti controlli anche nelle aree maggiormente critiche dal punto di vista della sicurezza urbana. Hanno partecipato alle operazioni anche la  Polizia di Stato, i Carabinieri e la  Polizia Stradale.

Il via all’operazione è stato dato nel tardo pomeriggio di venerdì dal Comandante della Polizia Locale di Legnano, Daniele Ruggeri, nell’area antistante il Castello Visconteo di Legnano, in quanto la città è capofila dell’accordo di collaborazione per la realizzazione di interventi integrati di sicurezza urbana siglato recentemente con Regione Lombardia. Erano presenti l’assessore regionale Massimo Garavaglia, il sindaco di Legnano, Alberto Centinaio, e rappresentanti della Direzione regionale sicurezza e protezione civile.

«Con questa operazione – commenta Centinaio – prende finalmente corpo un progetto di collaborazione in cui credo fortemente e che ho contribuito a realizzare all’interno della Città Metropolitana Milanese. E’ la conferma che l’Alto Milanese ha maturato in questi anni un alto livello di integrazione che la stessa Regione Lombardia ha riconosciuto meritevole di attenzione stipulando questo accordo. E’ soltanto mettendo insieme le forze tra i diversi Comandi di Polizia Locale che è infatti possibile intervenire con maggiore incisività per rendere più sicure le nostre città».

Oltre all’attività di polizia stradale sul territorio di Legnano sono state controllate 6 aree di aggregazione, controllando 84 persone con interrogatorio SDI (sistema di identificazione presso la Polizia di Stato), sequestrando due grammi di sostanze stupefacenti ed altrettante segnalazioni a carico di cittadini italiani per consumo personale. Tra Legnano e San Giorgio su Legnano sono stati controllati 4 pubblici esercizi, contestando 3 verbali di violazione all’ordinanza sindacale di disciplina degli orari delle sale giochi VTL. Per il Comune di Legnano si segnala l’intervento in ausilio alla Polizia di Stato in zona Certosa per un’autovettura condotta da nomade priva di assicurazione.

Soddisfatto il Comandante Daniele Ruggeri: «E’ la prima operazione congiunta che vede coinvolti i comandi dell’Area Omogenea Alto Milanese; una sinergia che rappresenta  un esempio per tutte le polizie locali e che rafforza l’intervento sul territorio a beneficio della sicurezza dei cittadini. L’impegno degli operatori è stato  esemplare e per questo va loro  tutto il mio riconoscimento».