Comune di Legnano Comune di Legnano Comune di Legnano

Area Stampa - contatti: 0331/471366-243 - ufficio.stampa@legnano.org

CONTINUANO GLI INCONTRI PER IMPARARE A GESTIRE UN PROBLEMA SEMPRE PIU' DIFFUSO

Pubblicato il 24/11/2016

Quando una famiglia attende la nascita di un figlio può disporre di supporti, informazioni, corsi per diventare bravi genitori. I neo-genitori vengono travolti, come un fiume in piena, da consigli, attenzioni, comportamenti, su come crescere, come alimentare, come mettersi in relazione con il neonato.  Quando però l’attenzione si sposta sul genitore che invecchia, che perde gradualmente le proprie capacità e la propria autonomia, la sensazione di essere soli è forte e le difficoltà mettono a dura prova le famiglie che si sentono sole ad affrontare questo passaggio impegnativo. Il genitore che invecchia cambia il suo modo di chiedere cure, di comunicare, di alimentarsi, disorienta trovando i più impreparati a questo impegno di cura, che cambia i rapporti.

E’ a partire da queste considerazioni che l’Amministrazione comunale di Legnano ha promosso quattro incontri con esperti, da tenersi il sabato mattina dalle 9,30 alle 11,30, presso la sede della Fondazione Sant’Erasmo. Gli incontri hanno la formula del “circolo formativo” che, a partire da una introduzione guidata, si confronta con la situazione reale dei partecipanti, con i loro quesiti e dubbi per poi offrire, da parte degli esperti, indicazioni e chiarimenti, una corretta informazione, una efficace formazione.  

Di seguito il calendario degli incontri rimasti:

Sabato 26 novembre 2016 – ore 9,30 /11,30

“Strumenti e strategie per la tutela dei familiari con anziani; strumenti giuridici per la tutela dei malati affetti da patologie gravemente invalidanti”

Interverrà come esperta l’avvocato Barbara Delfini.

 

Sabato 3 dicembre 2016 – ore 9,30 /11,30

“Le risorse territoriali presenti: mediche, legali, istituzionali, sociali. Un percorso di collaborazione con la famiglia”.

Interverranno gli esperti e rappresentanti di svariate realtà attive. Sono stati invitati rappresentanti dell’Asst e dei medici di medicina generale e di diverse realtà territoriali.