Comune di Legnano Comune di Legnano Comune di Legnano

Area Stampa - contatti: 0331/471366-243 - ufficio.stampa@legnano.org

SCUOLE RIQUALIFICATE MESSE IN SICUREZZA

Pubblicato il 08/09/2016
I 6.360 bambini e ragazzi che in questi giorni stanno iniziando un nuovo anno scolastico troveranno molte novità nelle loro scuole, quelle di competenza dell’Amministrazione comunale. Approfittando della lunga pausa delle vacanze estive sono stati avviati importanti lavori di riqualificazione e messa in sicurezza che hanno comportato una spesa di circa un milione e 900 mila euro. L’elenco dei lavori è stato presentato dagli assessori alle Attività Educative, Chiara Bottalo, e alle Opere Pubbliche, Antonio Cusumano, presente anche l’arch. Attilio Citterio che ha coordinato tutti i cantieri, nel cortile delle scuole Carducci. Qui infatti è ormai in fase di completamento la riqualificazione dello spazio esterno che da anni necessitava di un restyling. Ora si presenta radicalmente rinnovato e più sicuro quando viene utilizzato dagli alunni. Sempre in tema di sicurezza, un altro importante investimento (120 mila euro) ha riguardato tutte le scuole con l’applicazione di apposite pellicole sulle vetrate delle aule e degli spazi comuni. Con questo intervento, sono stati pressoché annullati i rischi che un bambino possa farsi del male sfondando una finestra. Questi gli altri cantieri attivati: riqualificazione degli interni e delle aule alla Anna Frank, Tosi, Manzoni e Toscanini; rifacimento delle palestre alle Tosi e alle Manzoni; rifacimento del tetto alle Cavour (scuola), Rodari (palestra) e Tosi (auditorium); rifacimento dei serramenti alle Manzoni, Tosi e De Amicis,. A breve partirà anche la riqualificazione del cortile delle scuole De Amicis. Gli assessori Bottalo e Cusumano hanno ringraziato i tecnici comunali per l’impegno dimostrato nel dare attuazione ad un programma di interventi impegnativo. Sul manifesto che illustra il cronoprogramma dei lavori campeggia una frase che bene sintetizza la filosofia che ispira l’intervento: “Da dove cominciare a cambiare le cose, se non da una migliore qualità della scuola?”.