Comune di Legnano Comune di Legnano Comune di Legnano
È presente 1 allegato
Questo articolo è stato letto 1727 volte
Pubblicato il: 06/05/2017
Info Tutela del Cittadino

LATTE E LATTICINI - PIU' SICUREZZA CON LA NUOVA ETICHETTA

LATTE E LATTICINI - PIU' SICUREZZA CON LA NUOVA ETICHETTA

LA NUOVA ETICHETTA DEL LATTE E DEI SUOI DERIVATI

Con il Decreto 9 dicembre 2016 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali è stato introdotto l’obbligo dell’indicazione in etichetta dell’origine dei prodotti lattiero caseari.

Dal 19 aprile 2017 in via sperimentale fino al 31 marzo 2019 in Italia sui prodotti come il latte UHT, il burro, lo yogurt, la mozzarella, i formaggi e i latticini deve essere indicato l’origine del latte e il paese dove viene lavorato.

 Su tali prodotti deve essere apposta una etichetta chiara, visibile e facilmente leggibile con indicato

“paese di mungitura”: nome del Paese nel quale è stato munto il latte

“paese di condizionamento o trasformazione”: nome del Paese nel quale il latte è stato condizionato o trasformato

Qualora il latte o il latte utilizzato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari sia stato munto, confezionato e trasformato nello stesso Paese può essere utilizzata una sola dicitura “origine del latte”: nome del Paese

Se le operazioni di mungitura, di condizionamento o di trasformazione avvengono in più Paesi membri dell’Unione Europea, comunque diversi dall’Italia, potrà essere utilizzata la dicitura

“latte di Paesi UE” – “latte condizionato o trasformato in Paesi UE” per le operazioni di mungitura e di condizionamento o di trasformazione

Se tali operazioni avvengono  in Paesi situati al di fuori dell’Unione Europea, dovrà essere indicato “latte di Paesi non UE” – “latte condizionato o trasformato in Paesi non UE”.

Per “latte” si intende sia quello vaccino che quello bufalino, ovino-caprino, d’asina o di altra origine animale.

Sono esclusi dalla presente normativa il latte fresco, i prodotti DOP (denominazione di origine protetti) e i prodotti IGP (indicazione geografiche protette) disciplinati con altre normative.

Proroga di 180 giorni per i prodotti già immessi sul mercato, portati a stagionatura o etichettati prima dell’entrata in vigore del presente normativa.